Il suono del sogno

Se vuoi dar musica al mio sogno

dammi il battito di mille tamburi

come i guerrieri battono gli scudi,

poi un suono metallico inusuale

che sia difficile da dimenticare,

ti trapassi l’anima facilmente

da chitarra elettrica in lamento.

Voli di voci da tutte le parti

si sovrappongono, arrivano a tratti.

La base di fondo dev’essere piena,

non uno scheletro scarno, una fiera

che mi bracca, m’agguanta e mi bacia

lì dove la mia fantasia sfocia.

diapasonmania

Danidannusa