Sassi gettati dal tempo

 

Blocchi di memorie

appianano e ci svuotano

come tronchi segati

lasciano nudi i nostri

anni ad anello poi

d’improvviso quando

il percorso è solo polvere

e silenzio rimbombano

 

Sassi gettati dal tempo

ci sfregiano il viso

Siamo la piccolezza

davanti la montagna

L’infinitesimale parte

nell’universo immenso

La colpa del lavoro

davanti al Paradiso

 

Ripuliti i nostri antri

siamo deboli alla vita

diapasonando

Danidannusa