SICILIAN BEAUTY

La valle del carosello

 

Quanti occhi ha quella valle

Soffocati dai colori

Echeggiano fra le grotte

Veloci movimenti

 

Ora un calpestio

Veloce e leggero

Ora un rimestio

Attento e sudato

 

Chissà s’era argentino

Quel riso di bambino

Fruscio di torrente

D’ali quel frullio

Tamburo battente

Del sogno di saper

Stare nel pulito

A rompersi le dita

Fiero d’aver vestito

La pelle d’un Signore

Pur essendo solo

                               Un carosello

Danidannusa