IRONICAMENTE VENERE..

Venere Moderna

 





DA UNA SCIA DI LATTE E FRAGOLE
DALL'IPOCRISIA DELLE FAVOLE
DALLA CIVETTA CHE HA FATTO NIDO
NEL TUO STOMACO CUPIDO
FRA LA PAGLIA E LE CAROTE
FRA LENZUOLA POCO VUOTE
FRA CAVALLI E FRA CONIGLI
FRA LA VOGLIA DI FAR FIGLI
DALLA VOGLIA DI PARLARE
DI LASCIARTI IN MEZZO A UN MARE
DI SILENZI E CELLULITE
SMAGLIATURE CALZE E VITE
NASCI VENERE MODERNA
PER GIOCARE UNA QUATERNA
O UN MALORE DA EVITARE
O PER FOTTERE O COMANDARE

DANIDANNUSA



 



Fragola

Nell’incantesimo serpeggiante

Dolce e profumata

Nasco da fiori bianchi

Come se non fossi mai nata

Mi apro

Mi apro

Mi apro

Solo questo eco frutta

Al mio ammirare

Cerco di rimanere selvatica

E mi si chiude in giardino

Mi tormenta la moglie invidiosa

Mosca che mi fa contare

Non più di una briciolina!

Mi apro

Mi apro

Mi apro

Dice la mia carne scarlatta

Come una rosa infamante

Accende di voglia la bocca

Attrae gli occhi passeggeri

Mi apro

Mi apro

Mi apro

Invogliati mi comprano

M’infarinano di zucchero

Mi affogano in un mare bianco

Mentre la mia essenza vorrebbe scappare!

 

Danidannusa

light my fire ...

quasi una preghiera l'invito di un amante al sesso nelle indimenticabili note dei DOORS