Il ritratto di un Angelo…

forse quello che da sempre ha il compito più scomodo

Gabriel

Ho già pagato troppo

Per aver avuto pietà

Esiliato come l’uomo

Che combatte con velleità

Frustato come lo schiavo

Marchiato a fuoco

 

E’ difficile capire tutto

Ci mantiene in equilibrio

Un ordine assurdo

Un passare al setaccio

 

Un grondare di sangue

Di quella falce che miete

Dal tempo che è nato

Il tempo più umano

E persino a noi Angeli

A volte ci è parso strano

 

Illumino una strada

Che non sarà la mia

Che non decido io

Scusami Giuseppe

Se ti mostro la via…

angelicamente

Danidannusa

ambasciator non porta pena