Gli elementi dell'anima

Donne laviamo da secoli

Le mancanze degli uomini

È umido il nostro profumo

Se i sensi riscaldano…

                                               Acqua

 

Siamo linfa

D’amore e d’abbracci

Spesso legate

Nei giovanili tralci

                                               Albero

 

Serene andiamo

Belle e leggere

Nel temporale

Siamo lampi di lacrime

                                               Nuvola

 

Visi scolpiti

Di rabbia sopita

Rivendicata

Nel non concederci

                                               Furia

 

Amiche di un veleno

In solitudine

Non seguiamo la morte

Per questo ci odiano

                                               Inferno

Ammutolita

In un impulso incomprensibile

Parole si dileguano

                                               Sembrano morse

Indice d’un momento instabile

D’improvviso spariscono

                                               Volano forse

Eppure nel petto, in gola vibrano!

Ma non comandano le labbra

                                               Né la lingua

Esclusi dai furbi che giocano.

Muto schiaffo sulla guancia

                                               Dirotta la prua

Ad ogni discorso e difesa d’impeto.

femminilmente

Danidannusa

diamo forza alle nostre parole! la violenza non parla

SOGLIA DI POVERTA'

storie di solitudine (o di omertà) in atmosfere del passato ancora vive nel presente...

nobiltà negate...

Auguri a noi donne! ad una vita che rispetti i nostri sentimenti e la nostra delicatezza...senza violenze e soprattutto che non ci siano più spose bambine né femminicidi!