liberamente dedicata ad un recente scandalo del gossip

La donna che sogna

La donna che sogna

può darsi si chiami Pamela

o un nome con altri disegni

e arcobaleni appesi a una candela,

che appena si scioglie la cera

scappano, gli si aprono

in cielo e piove vergogna

per non sopportare com'era.

 

La donna che sogna

sarebbe anche stata sincera

ma è lunga l'attesa

del feto che ha creato

senza vestito da sposa,

senza l'anello donato

in ginocchio a una promessa

mai ricevuta dall'uomo vero,

in questa squallida stanza

dove il vero non ama sul serio,

ci apre solo la porta a una gabbia!

Noi lo sappiamo Pamela,

non ti ricopriamo di sabbia,

non ti lapidiamo nel sole

del sogno che volevi ingabbiare

e che a tutte noi ha baciato

la fronte in certi momenti.

 

Sbagliando le chiavi d'ingresso

non ti sei riuscita a liberare

e hai fatto solo un gran fracasso

come chi si sveglia nella notte

buia, sbatte nello specchio

che ti rischiaffa ancora su quel letto

imponendoti di tornare solo a sognare.

femminilmente

Danidannusa

SOGLIA DI POVERTA'

storie di solitudine (o di omertà) in atmosfere del passato ancora vive nel presente...

nobiltà negate...

ricordiamoci di essere donne solidali non solo l'8 marzo!