Nella casa da morti

 

I bei fiori dentro i vasi

nella casa da morti

(come gradivi li sistemassi)

colorano i pensieri risorti

e i vostri visi di serenità

costruita

           immobile

                       sospesa

quasi che fosse nullità

la sofferenza e la rabbia accesa

dagli eventi che poca pace

hanno concesso a voi e a me

(anche se la bocca tace

mi urla l’anima in separè)

 

Esco dalla porta e dal passato

Convinta

          consapevole

                        dissuasa

dal percorrere di nuovo ciò che è stato

Mi giro a guardare il tetto della casa

dove tu madre ponesti la Madonna

come te piange il proprio figlio

morto e piange il cielo ma mi circonda

come un abbraccio. Io saluto il giglio

e il cuore di mamma che portavi

ora lì è per sempre e riempie

del tuo amore e di ciò che usavi

nel pregare fisso nelle mie tempie

l'appeso è il presepio

Danidannusa

Nel ricordo...

pochi versi per ricordare mia madre...una donna sempre forte nelle avversità

but you'll never make a saint of me!

TUTTO E' DECISO

TUTTO E' DECISO

C'E' CHI TI ARMA DI PAZIENZA

IMPLODE LA RABBIA

SPRUZZI DI VOLGARITA' SFUGGONO

DI TANTO IN TANTO

UN MARE D'IRRIVERENZA

VORREBBE INONDARE

QUESTO TUTTO DECISO

CATASTROFI D'INCERTEZZA TI FRENANO

IL PANICO FRENA SEMPRE TEMPESTIVAMENTE

URLA DI ALTRE ANIME

SCARICANO L'ADRENALINA

IMMOBILE CENTRO

DI CHITARRE ELETTRICHE

CHE TI RICONOSCONO

TI SCIMMIOTTANO

E TI LASCI SUONARE...

DIAPASONANDO

Danidannusa

riusciremo comunque a dare il suono che vogliamo alla nostra esistenza!