DIN...DONNE...DANIDANNUSA

Calipso

 

S’allontana Odisseo

Pianger dovrei ancora ma

quest’eterno torneo di

sentimenti senza dimora

presto rende l’amore oblio

 

Torno a ricamar da sola

pensieri d’incontri e gioia

Gli addii il verdeggiare ignora

Non se ne duole la fonte né

il ruscello. Lo stesso vivificano

lussureggianti piante

I frutti mi nutrono

Mi consolano innocenti

occhi animali e brezze

come ancelle danzanti.

 

Presto schiave le onde

nuove carezze scampate

alla procella condurranno

nel mio terrestre giardino

e amerò senz’altra scelta.

 

Danidannusa