Il passaggio

 

M’invita a montare in macchina

Un ragazzo belle idee

Un certo Gesù

La madre sui sedili posteriori

Piacevolmente si procede

fra mirabili racconti

su malati e pescatori

e nell’euforia ogni tanto

un’ osanna vien fuori

 

Sembra tutto un amore

prima di Via dei dolori

Lì sette volte l’auto sbanda

Slitta su sputi e pietre

lanciati da gretta gente

La madre lascia che proceda

 

Più sui muri non si legge

DIO E’ AMORE come prima

Allarmata io li allerto

Con lo sguardo allucinato

di chi va verso il suicidio

loro convinti proseguono

anzi d’improvviso lui mi

volge un sorriso di lacrime

e mi chiede di baciarlo

 

Labbra che sapevano di sangue

 

Quattro soldi mi mette in mano

come fossi una puttana

tirando dritto verso un palo

Poi mi grida di saltar giù

di farlo per il suo di amore

E io senza orgoglio salto fuori

Senza voglia di dissuaderlo

Salto prima dello schianto

Senza capirne neanche il pianto

In mezzo al buio e al temporale

Scappo via chiedendo aiuti

                                                                                     

Soccorsi dopo tre giorni

Non si trovano più i corpi

Solo l’auto carbonizzata

Sotto una croce dritta

 

Danidannusa

Buona Pasqua e serena rinascita